Ritratto di papa Alessandro VI Borgia Scuola tedesca fine del XV secolo.jpg,Luca Longhi - Dama con liocorno (forse Giulia Farnese).jpg,Lorenzo di Credi Ritratto di giovane donna (La Dama dei gelsomini) 1485-1490 circa.jpg,Filippino Lippi Santa Maria Maddalena 1498-1500.jpg,Bartolomeo Veneto Ritratto di gentiluomo.jpg,Anonimo Ritratto di Cesare Borgia Iscrizione c.valentinois borgia Seconda metà del XVI secolo.jpg,Bernardino_di_Betto_detto_Il_Pinturicchio_Madonna_col_bambino_e_san_Giovannino.jpg,Bernardino_di_Betto_detto_Il_Pinturicchio_Madonna_delle_Febbri_e_Don_Francesco_Borgia_1497_circa.jpg,Fra_Bartolomeo_(Bartolomeo_detto_Baccio_della_Porta)_Ritratto_di_fra_GIrolamo_Savonarola.jpg

I Borgia - L'arte del potere

dal 03/10/2002 al 23/02/2002

La mostra sui Borgia: una iniziativa culturale di grande respiro che trascende il mero aspetto storico-biografico, pur carico di interesse e di attrattiva, di una delle grandi famiglie che hanno segnato le vicende italiane ed europee del '500.

Intorno al mondo dei Borgia, quasi come un crocevia della storia, passano infatti gli uomini e le vicende che hanno guidato l'Europa verso il Rinascimento, dall'Europa delle città tardo-medievali all'Europa degli stati-nazione.
Presentare le vicende dei Borgia in una mostra non è certamente né facile né semplice, perché raccontare i Borgia significa non soltanto far rivivere le passioni, i drammi, le imprese di una delle famiglie più note e più discusse del Rinascimento, ma anche rappresentare l'incredibile intreccio delle loro vite e delle loro azioni con un mondo unico per la straordinarietà e la grandiosità irripetibile dei personaggi che lo hanno attraversato e degli avvenimenti che lo hanno caratterizzato.

Quando nel 1492 (una data che è uno degli snodi della storia occidentale: morte del Magnifico e scoperta dell'America) il cardinale spagnolo Rodrigo Borgia diventò papa con il nome di Alessandro VI, il mondo stava vivendo uno dei momenti più intensi della cultura e del progresso umano. 
Il potere, il lusso e la ricerca di gloria favorivano la committenza di nuovi palazzi, di chiese, di monumenti, di arredi, di opere d'arte. Botticelli, Benvenuto Cellini, Michelangelo, Leonardo, Bramante, Pinturicchio, Bellini, Carpaccio, Antonello da Messina, Mantegna, Dürer, Bosch, Tiziano, Raffaello, Ariosto, Bembo, Galilei, Copernico e tanti altri grandi intrecciarono le loro vite con quelle di papi, principi e re, e misero l'ispirazione del loro ingegno al servizio dei potenti.
I Borgia furono tra quei potenti, protagonisti e spettatori non certamente passivi dei cambiamenti straordinari di un'epoca e di un mondo. Nella mostra i Borgia sono ovviamente visti nel contesto della loro epoca: furono creature del loro tempo, non peggiori di altri, ma favoriti e dannati dal fatto che "essi avevano la forza, perciò il diritto", come disse il Pastor.
La mostra, allestita a Palazzo Ruspoli, sa comporre in una ricca e originale sintesi espositiva l'universo culturale, storico e religioso dell'epoca dei Borgia, sulla quale si sono fondate le origini stesse dell'Europa moderna.
Il respiro europeo della mostra viene dato anche dai significativi interventi dei promotori e organizzatori e dal patrocinio di istituzioni di prestigio fra cui il Segretariato Generale del Consiglio d'Europa. Completano la dimensione europea dell'iniziativa numerosi musei prestatori italiani, spagnoli, belgi, portoghesi, inglesi, francesi e austriaci.
Opere, romanzi, film e studi di vario tipo hanno avuto il merito di mantenere viva fino ad ora la memoria dei Borgia, attratti dall'indiscusso fascino delle drammatiche vicende e delle forti personalità che hanno caratterizzato l'esistenza di quei personaggi.Un merito che tuttavia ha spesso decontestualizzato le figure dei Borgia, lasciandole sospese tra la storia e il mito. 

La mostra si prefigge anche di collocare quei grandi personaggi nel contesto della storia e del tempo con una ricostruzione di ampio respiro che vuole dare unità d'insieme nel rigore storico e nella suggestione della ricostruzione di un mondo già lontano nel tempo ma tanto vicino a noi per l'attualità dei riflessi politici e culturali.
L'esposizione sui Borgia seguirà il ritmo diacronico e una linea conduttrice punteggiata dai principali personaggi della famiglia: Alessandro, Cesare (il Valentino) e Lucrezia.
Riunirà anche diversi e interessanti aspetti dell'epoca in cui vissero e che questi personaggi caratterizzarono in modo significativo: la cultura e le arti, la politica e l'economia.
Una composizione di contesto realizzata dalla mostra attraverso materiali e oggetti d'arte di speciale rilievo - prestati per l'occasione da numerosi musei d'Europa - e in grado di ricostruire la vita di quei personaggi e l'epoca affascinante in cui vissero.

Il successo di una mostra non dipende solamente dai patrocini e dai reperti raccolti; occorre anche, e soprattutto, che sia guidata e sorretta dall'esperienza consolidata e qualificata di un'organizzazione capace. 
La Fondazione Memmo dà queste garanzie di qualità e di esperienza, attestate dai prestigiosi successi di pubblico e di critica delle mostre organizzate in Roma negli ultimi anni e che hanno avuto echi anche internazionali, come quelle dedica


scatvids.club javvids.com